Continuiamo il nostro viaggio di approfondimento che ci consentirà di comprendere la qualità certificata dei nostri controtelai.

Controtelai testati di alta qualità

Oggi parleremo del test di attrito iniziale effettuato su carrelli e profili guida dei nostri controtelai.

Questo test consente di determinare la forza di attrito statico iniziale che occorre applicare alla porta in fase di apertura o chiusura.

Prima di esporre i risultati spiegheremo perché questo test è così importante.

Innanzitutto spieghiamo cos’ è l’attrito statico.
In fisica, per attrito statico si intende la forza iniziale che occorre per iniziare a spostare un oggetto, da notare che questa forza è ben diversa e molto maggiore dell’attrito dinamico che rappresenta la forza di attrito che si oppone ad un moto (forza di strisciamento).

Questo ci fa capire che, se l’attrito statico è molto grande, dovremo applicare una grossa forza per aprire la nostra porta scorrevole, dando luogo a due grossi problemi:

  1. Una porta difficile da aprire non è funzionale
  2. Siccome l’attrito dinamico è sempre molto minore dell’ attrito statico, se dobbiamo applicare una grossa forza per aprire la porta, una volta aperta, la porta sbatterà dall’ altra parte per via della forza applicata (meccanismo a soglia). Ciò danneggerà sicuramente la porta.

Per tali motivi, il test di cui stiamo parlando è di fondamentale importanza per definire l’affidabilità e la durevolezza non solo del controtelaio ma anche della porta che vi sarà alloggiata.

Riportiamo di seguito una breve tabella dei risultati ottenuti attraverso i test dell’ Istituto Giordano.

Attrito_iniziale_prima

Quanto sopra riportato mostra chiaramente come l’attrito iniziale di apertura dei nostri controtelai sia assolutamente conforme agli standard ed ottimale.

Questo garantisce l’affidabilità del controtelaio ed incrementa  la tenuta della porta che in esso viene installata ed alloggiata.

Filmar, pretendiamo il massimo da noi stessi, per offrirvi il meglio.