L’intera gamma di controtelai “Filmar New Age” viene realizzata utilizzando materiali di prima scelta accuratamente selezionati e lavorazioni all’avanguardia che assicurano un prodotto finito di elevata qualità e duraturo nel tempo.

In particolare, i pannelli laterali sono realizzati utilizzando fogli di lamiera in acciaio zincato spessorato grecati verticalmente, ma qual è il processo di fabbricazione di questo tipo di acciaio?

Caratteristiche di un controtelaio per porte scorrevoli
Caratteristiche di un controtelaio per porte scorrevoli

Galvanizzazione a caldo

L’acciaio zincato è un acciaio al carbonio rivestito di zinco. Il metodo più comune di rivestimento dello zinco è il processo a caldo.

 

Il processo di immersione a caldo consiste nell’immergere l’acciaio al carbonio in un bagno di zinco fuso (circa 680 gradi Fahrenheit). Quando il materiale viene rimosso dal bagno di zinco e raffreddato si verifica una reazione grazie all’ossigeno presente nell’aria, che permette allo zinco di diventare parte dell’acciaio (un legame ferro-zinco).

Anche se questa è la forma più comune di galvanizzazione, è spesso usata per prodotti in acciaio che sono stati fabbricati in precedenza, poiché lo spessore del prodotto finale non è facilmente controllabile.

Un altro metodo di zincatura è la zincatura continua.

Zincatura continua

La zincatura continua applica il rivestimento di zinco sulla superficie di un nastro continuo di acciaio (bobina) che passa attraverso un bagno di zinco.

Quando la bobina lascia il bagno di zinco, porta con sé uno strato supplementare di zinco fuso. Lo zinco in eccesso viene rimosso con aria ad alta pressione per creare lo spessore desiderato ed il materiale viene quindi lasciato a raffreddare.

 

Filmar sceglie i migliori materiali per la costruzione di tutti i suoi modelli di controtelai per porte scorrevoli, ma anche i processi produttivi sono fondamentali, per questo l’intera produzione di controtelai viene realizzata utilizzando i macchinari tecnologicamente più avanzati in grado di assicurare una maggiore qualità delle lavorazioni rispetto ad altri disponibili sul mercato, come punzonatrici, profilatrici, cesoie e presse piegatrici a controllo numerico (CNC).